×

Errore

[sigplus] Critical error: Image gallery folder fotogallery/cucineaperte/2019 is expected to be a path relative to the image base folder specified in the back-end.

[sigplus] Critical error: Image gallery folder fotogallery/cucineaperte/2019 is expected to be a path relative to the image base folder specified in the back-end.

 È stata la festa della gastronomia d’eccellenza la terza edizione di Cucine Aperte, l’evento organizzato da Tirsomedia sabato 28 settembre per il Consorzio La Puglia è Servita

4 territori del gusto in tutta la regione, 19 tra cuochi ed artigiani del gusto, 21 produttori di vino e olio extravergine, 40 turni di visita e laboratorio: sono questi i numeri della manifestazione, che ha accolto nelle cucine viaggiatori gourmet, appassionati e semplici curiosi per una vera e propria lezione di teoria e pratica della gastronomia di Puglia. Anche per questa edizione, ogni struttura ha dedicato a un “Prodotto nel piatto” la propria preparazione di benvenuto: i visitatori hanno potuto quindi spostarsi da una struttura all’altra, assaggiando le diverse tipicità di ogni territorio, dalla Capitanata a Castel del Monte, alle Terre di Bari per giungere fino alla Magna Grecia e al Salento.

Da riso patate e cozze di Beppe Schino, presidente del Consorzio e patron del ristorante Perbacco a Bari, alle orecchiette di grano arso raccontate nel corso del partecipatissimo laboratorio emozionale da Terranima a Bari, passando per quelle realizzate con farina da grano “Senatore Cappelli” da Taverna Le Rune a Bari Torre a Mare. Tante e diverse sono state le eccellenze enogastronomiche di Puglia protagoniste: i ceci e la carne affumicata da Antichi Sapori ad Andria / Montegrosso, il pomodoro giallo da Al Primo Piano di Foggia, lo sgombro e le fave secche da Locanda di Nunno a Canosa di Puglia, il polpo da La Locanda di Federico a Bari solo per citarne alcuni. Grande adesione anche per i laboratori tematici incentrati sulle tipicità dei territori: la panificazione con il lievito madre da Forno Sammarco a San Marco in Lamis; la pasta tipica fatta in casa da Vinilia Wine Resort a Manduria e da Ristorante Lilith a Strudà; i piatti della tradizione pugliese a base di melanzana da Origano a Minervino di Lecce; la cucina e la pasticceria tipica da Stammibene a Bari; le tecniche di essiccazione in cucina da Osteria di Chichibio abbinate alla degustazione di gazpacho e pescatrice. Cucine Aperte è stata anche un’occasione per stare a contatto con la natura e la vita rurale: le passeggiate nell’”orto di Pietro Zito” ad Andria/Montegrosso, il tour nel “vigneto giardino” ideato dal grande paesaggista Fernando Caruncho da Masseria Amastuola, la raccolta dell’uva da tavola e degli ortaggi prodotti da Lama San Giorgio.    

Novità della terza edizione è stata la presenza degli artigiani del gusto come ospiti dei ristoratori: a Bari da Perbacco con i fondatori di VeeTaste, che hanno raccontato la loro esperienza nella Urban Agriculture e coltivazione di micro-ortaggi, con un focus dedicato alle erbe aromatiche, mentre a Crispiano i Fusilloni di spinaci di Pasta Centoni sono stati alla base del piatto di benvenuto realizzato da Patrizia Girardi di Masseria Amastuola. Ad Andria, Caseificio Olanda ha accolto i visitatori con un laboratorio dedicato alla lavorazione della mozzarella. 

Tanti poi i visitatori che, affascinati dai sapori dei cuochi, hanno approfondito l’esperienza attraverso i menù dei ristoratori. Proposte esclusive, ideate per l’occasione, sono state servite a Bari da  StammiBene, Terranima e La Locanda di Federico; a Rutigliano da Lama San Giorgio; a Manduria da Vinilia Wine Resort; a Ostuni da Masseria Il Frantoio, a Strudà da Lilith.

Ideato per consentire agli utenti di entrare in contatto diretto con gli alti standard qualitativi dei soci del consorzio La Puglia è Servita, anno dopo anno Cucine Aperte diventa sempre più una giornata di festa, in cui riscoprire la dimensione più autentica dell’etica in cucina, imparando direttamente dai ristoratori e dai produttori l’importanza della qualità, la cura e la professionalità. 

Un vero e proprio omaggio al ricco patrimonio di eccellenze enogastronomiche di Puglia, arricchito dalle degustazioni di vino e olio extravergine a cura dei produttori del Movimento Turismo del Vino Puglia e di Buonaterra - Movimento Turismo dell’Olio Puglia

Cucine Aperte fa parte della programmazione progettuale dal titolo “La Puglia è Servita” presentata da Tirsomedia a valere sul fondo di sviluppo e coesione – FSC – 2014-2020 “Patto per la Puglia” e finanziata dall’Assessorato all’Industria turistica e culturale della Regione Puglia. 

Si ringraziano per il supporto gli sponsor Supermercati Dok e Famila, Casillo e Agricola del Sole

Dopo Cucine Aperte, la ristorazione di qualità resta aperta 365 giorni l’anno nelle 62 strutture socie de La Puglia è Servita. Tutte le informazioni sul sito www.lapugliaeservita.com e sugli account social Facebook, Instagram e Twitter del Consorzio. 

 


I SERVIZI TV


GUARDA GLI ALTRI VIDEO >>

 

VIDEO DIRETTA DELLE CUCINE APERTE

GUARDA GLI ALTRI VIDEO >>

 


RASSEGNA STAMPA

 


LE IMMAGINI

{gallery}fotogallery/cucineaperte/2019{/gallery} 

 

Testimonials

A proposito della campagna
"io sto con gli #ulividipuglia"

Come sempre unici e avanti a tutti. N° 1! Bravi, bravi, bravi!

Pietro Zito - Chef
Ristorante Antichi Sapori (Montegrosso - BT)

Le nostre app

scaricale gratis dal tuo market